info@delicatessence.it +39 3397149145
Il Topinambur
27 marzo 2015
1

Il topinambur è un pianta spontanea delle pianure canadesi e statunitensi nordorientali, apprezzata dai Nativi proprio per il gustoso tubero che produce. Venne importato, dopo la scoperta dell’America, dai Francesi all’inizio del XVII secolo, e riscosse più consensi della sua ‘cugina’ patata. Targioni Tozzetti, medico e naturalista italiano, lo descrive così : “Fra le radici tuberose eduli, che sono state da taluno confuse colle patate, abbiamo di sopra rammentato di passaggio quelle di una pianta … detta da Linneo “Helianthus Tuberosus”, nota fra noi col nome di tartufo di canna ed anche col vocabolo francese “topinambur”. Questi tuberi sono originari del Brasile e per ciò non potevano essere conosciuti dagli antichi …”.

Grazie al contenuto di inulina è una pianta molto adatta e indicata nella dieta di persone diabetiche in quanto l’inulina funziona come riserva di carboidrati. Il Topinambur passa per il primo tratto dell’intestino senza venire digerito, solamente nell’ultimo tratto dell’intestino sono presenti i bifidobatteri e lattobacilli in grado di rompere le lunghe molecole dell’Helianthus tuberosus il cui carattere fibroso ha un effetto molto positivo sulla flora batterica. Il tubero inoltre è ricco di sali minerali e in particolare potassio, magnesio, fosforo, selenio, zinco è ferro. Il Topinambur è da sempre famoso per ridurre il colesterolo e per stabilizzare la concentrazione del glucosio nel sangue e dell’acido urico.

Con gli ultimi tepori della bella stagione il topinambur fiorisce e le sue gialle corolle solari invadono i campi e le zone incolte. Dopo la fioritura, sottoterra, si sviluppano i tuberi: rosati e irregolari, non saranno maturi che ai primi freddi. Solo allora i topinambur, potranno essere gustati crudi o cotti.

La preparazione più comune del topinambur è la cottura a vapore ma può essere saltato in padella, come le patate; si presta ad essere l’ingrediente perfetto di ricette raffinate.  Il topinambur crudo tagliato a fettine sottili e condito con olio, limone e spezie è un contorno saporito, veloce e salutare; con la sua tipica consistenza croccante mantiene inalterate tutte le proprietà. Per gustare il topinambur in tutte le stagioni è possibile lessarlo in aceto e vino e conservarlo in olio extravergine di oliva.

WP_20150824_18_34_28_Pro#2 WP_20150824_18_34_03_Pro#1

Per acquistare il nostro prodotto, fresco o conservato sott’olio e sott’aceto, contattaci al +39 339 7149145 o acquista subito su ebay!

Lascia un commento

1 comment

  1. giulia severino

    Ho acquistato il vostro prodotto al castello a Castropignano qualche giorno fa. L’ho cucinato, mi è piaciuto e l’ho reclamizzato su facebook. Ora gli amici mi chiedono dove possono acquistarlo a Campobasso. Potete farmelo sapere? Interessa anche a me direttamente, sia per uso personale che per regalo, in modo da contribuire a fare conoscere il vostro prodotto e la vostra azienda. Grazie.